L’Inps ha pubblicato il messaggio n. 4382/2016 in cui fornisce alcuni chiarimenti sulla scadenza del 15 dicembre 2023 per la richiesta dell’indennità di discontinuità per i lavoratori dello spettacolo. Si tratta di una misura di sostegno al reddito prevista dal decreto legislativo n. 175 del 30 novembre 2023, che istituisce un ammortizzatore sociale permanente per i lavoratori dello spettacolo con prestazioni discontinue a partire dal 1° gennaio 2024.

L’Inps precisa che la scadenza del 15 dicembre 2023 riguarda solo le domande relative ai periodi di competenza 2022, cioè quelli per i quali i requisiti sono stati acquisiti nel 2022.

Chi ha maturato i requisiti nel 2023 (competenza 2023) dovrà invece presentare le domande tra il 1° gennaio 2024 e il 30 marzo 2024, come previsto dalla normativa ordinaria. Le domande relative alla competenza 2022 beneficiano di un indennizzo maggiorato, pari al 90% delle giornate accreditate al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo, anziché al 60% previsto in via ordinaria.

L’indennità di discontinuità spetta ai lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo che svolgono attività artistiche o tecniche direttamente connesse con la produzione e la realizzazione di spettacolo, sia in forma autonoma che subordinata a tempo determinato.

Sono inclusi anche i lavoratori subordinati a tempo determinato che svolgono attività al di fuori di queste ipotesi, individuati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 25 luglio 2023.

La domanda può essere presentata all’Inps solo in modalità telematica. Per la presentazione della domanda puoi rivolgerti alla sede del Patronato INCA CGIL più vicina.

 

SERVIZI
Migranti  sedi e orari
 
sedi e orari  News locali